Giornata Mondiale del Libro

Ci sono due motivi per leggere un libro: uno che puoi godertelo, l’altro che puoi vantarti di averlo letto!” (Bentrand Russel)

Il 23 aprile è la Giornata Mondiale del Libro e del copyright.

Una giornata importante per chi ama i libri e per chi ha fatto della scrittura e della lettura il suo lavoro e la sua vita.

La data venne scelta in Spagna dal re Alfonzo XIII che scelse questa data poiché ben tre scrittori nel 1616 suppergiù in questa data (non stiamo a fare una disputa tra calendari gregoriani e giuliani) morirono: essi erano, Shakespeare, Miguel De Cervantes e Garcilaso Inca de la Vega. In questa data oltre al libro, in Spagna, amano donarsi una rosa per via di una leggenda che narra che San Giorgio uccise un mostro e dal sangue di questo essere nacque un cespuglio di rose.

A parte morti presunti o tali e leggende, il significato di questa data è importante. Vengono ricordati gli scrittori e il loro lavoro, tutta l’editoria e si cerca anche di ricordare che un’opera anche se intellettiva è di chi l’ha creata.

Un buon libro è un compagno che ci fa passare dei momenti felici” (Giacomo Leopardi)

Toccare, annusare, sfogliare e immergersi in un libro è un’esperienza molto bella che ci fa volare, che ci fa visitare luoghi e epoche lontane da noi e che ci fa essere e vivere nelle vite dei protagonisti, fossero loro romantiche eroine o, addirittura patetici pedofili. Leggere non è facile come sedersi su un divano e guardare un talk ma riesce a donarci tanto mentalmente ma anche fisicamente perché dopo aver letto un libro ci sentiamo bene e viviamo uno stato di soddisfazione che ci porta a volere iniziare una nuova avventura.

Ogni libro possiede un’anima, l’anima di chi lo ha scritto e di coloro che lo hanno letto, di chi ha vissuto e di chi ha sognato grazie ad esso” Carlos Ruiz Zafon

Chi scrive vive anch’egli certe emozioni ed entra a contatto con le vite dei personaggi che ha creato amandoli e odiandoli. Così si entra in contatto con lo scrittore, in una specie di simbiosi dove delle anime vengono a contatto e anche se con mondi e personalità diverse si entra in connessione. A me sembra magia!

Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che, quando li hai finiti di leggere e tutto quel che segue, vorresti che l’autore fosse un tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira” J. D. Salinger

Se ti è piaciuto il mio articolo e ti va di seguirmi anche su Instagram guarda qui sotto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *