Diario: tutte le tipologie

Il Diario è stata la mia più grande passione e spero presto di ricominciare questa attività molto importante per chi scrive e vorrebbe scrivere di professione. Ricordo il momento in cui ho iniziato ad amare i diari. Sfogliavo il libro di lettura delle elementari e ho notato un racconto che mi ha incuriosito, ho letto il titolo e ho chiesto ai miei genitori chi fosse Anna Frank (oggi la chiamo Anne). Da allora ho desiderato con tutta me stessa un diario segreto, un diario dove scrivere tante, tantissime cose: tutte desideravano bambole costose, io un semplice diario con un lucchetto. Oggi vedo mia figlia che sta imparando a scrivere e ha il suo diario e già parla di segreti, di cose misteriose da custodire in oggetti o diari; ha paura che io possa leggere i suoi segreti, le ho spiegato che non leggerò mai qualcosa di suo senza il suo consenso!

Ma torniamo a noi e al tema di questo articolo: quante tipologie di diario ci sono?

Perché il diario non è solo quello con lucchetto che custodisce i segreti di una’adolescente, il diario e le sue pagine possono avere tantissimi scopi e tanto, tantissimo fascino:

  • Diario di viaggio: li adoro e mi riprometto sempre di scriverne uno durante i miei spostamenti, spero di cominciare dal prossimo viaggio. Il diario di viaggio serve per segnare i luoghi visitati e le proprie impressioni ma anche le spese e i costi durante i nostri viaggi.
  • Diario dei sogni: ne ho iniziati parecchi ma poi li ho abbandonati, perché poi ti svegli e hai tante cose da fare, quando mia figlia sarà più indipendente spero di riprenderlo, il quaderno è lì sul mio comodino… Il diario dei sogni, come suggerisce il titolo, serve per segnare e descrivere i sogni fatti; è un lavoro che serve per conoscerci meglio e analizzare la nostra psiche.
  • Diario della gravidanza: Perché non l’ho fatto? Sarebbe stata una bella cosa da far vedere alla mia bambina quando sarebbe cresciuta. Nel diario della gravidanza si indicano il peso, la grandezza del feto mese dopo mese, le sensazioni, tutto, ma proprio tutto quello che riguarda questa fantastica (e spesso seccante) esperienza.
  • Diario del lettore: un altro diario molto bello da possedere. Annotare i libri che si leggono, le pagine che hai letto, le tue impressioni…
  • Diario Fitness: dove scrivere gli esercizi, quando allenarsi, calorie, proteine, calorie perse, risultati ottenuti… Per me molto deprimente!
  • Una riga al giorno: non è altro che un diario segreto ma molto più light, devi solo scrivere un pensiero al giorno la mattina o la sera.
  • Diario della gratitudine: simile a una riga al giorno devi fare un elenco di tutte le cose per cui sei grata.
  • Diario delle idee: credo il più prezioso, in questo si racchiudono idee e progetti. Lo utilizzano molto scrittori e cantautori, per annotare le idee quando non possono fermarsi a svilupparli. Nota bene, è l’unico dei tanti diari che cerco di scrivere, che riesco ad aggiornare.
  • Diario della spazzatura: questo non lo conoscevo, è un diario che ti permette di annotare tutte le cose negative della tua vita per cercare di eliminarle, un po’ un sacco della spazzatura che prima o poi butterai.

Questi sono alcuni tipi di diario, sicuramente ne esistono diversi come diversi sono gli strumenti dove annotare i nostri pensieri. Può essere elettronico, inserito nel nostro cellulare o sul pc o, se siamo romantiche, il vecchio e caro quaderno con la copertina rigida. Io sono seriale e ne ho acquistati diversi, ancora molti sono immacolati perché sono tanti e se non ne finisco uno non inizio un altro. Scrivere in un diario, qualsiasi metodo voi usiate, è una cosa utilissima per scoprirci e annotare le nostre emozioni, per poi riscoprirle, dopo tanto tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *