Come utilizzare l’agenda

Come utilizzare l’agenda

Hai un’agenda? Ogni anno decidi di comprarne una e utilizzarla? Ti sei mai chiesto come utilizzare l’agenda per non abbandonarla ad aprile?

Anch’io ogni anno acquisto un’agenda. Anch’io ogni anno cerco di scegliere quella più consona alle mie esigenze. Ogni anno inizio a riempirla e, ogni anno, ho questo buon proposito di aggiornarla e riempirla per 12 mesi. E ogni anno mi ritrovo a chiedermi “ma la mia agenda che fine ha fatto?”

Un investimento

Parliamoci chiaro: l’agenda è un ottimo investimento per organizzare il nostro tempo, i nostri impegni, per non dimenticare le cose, per avere tutto sotto controllo, ma molti di noi poi abbandonano la suddetta agenda in un angolino del soggiorno o in uno scaffale del proprio ufficio.

Perché accade?

La costanza, la poca organizzazione, le dimenticanze, la poca voglia, il non sapere cosa scrivere e come organizzare i fogli. Una volta abbandonavo le mie agende dopo poco, perché dimenticavo di scrivere e dimenticavo la mia agendo in casa o in fondo a una borsa.

Negli ultimi tempi, con un po’ di costanza e il sapere che dentro a essa vi è tutto il mio mondo, riesco a essere costante… almeno ci provo. Vediamo, quindi, come utilizzare l’agenda per non abbandonarla.

 

Quale agenda utilizzare?

Secondo me si deve partire dalla scelta dell’agenda. Io adoro i tipi alla Moleskine (mi ricordano gli scrittori ai caffè parigini), e non sono molto amante di quelli ad anelli, anche se molti affermano che siano le migliori: si possono personalizzare come meglio credi, i fogli li puoi suddividere in colori, puoi decidere quanti fogli inserire… Cosa importante secondo me è avere un’agenda unica per tutti gli impegni (cucina, scuola, lavoro, routine casalinga, parrucchiere…) e poi utilizzare altri quadernetti per gli altri impegni. Mi spiego meglio: per il blog e i social utilizzerò dei calendari editoriali, ma nell’agenda scriverò “postare articolo agenda vedi calendario editoriale”! Se si è scelto l’agenda ad anelli, si può optare per un calendario da inserire all’interno dell’agenda, ma io preferisco avere un quaderno a parte dove poter suddividere, separare, ispirarmi e cambiare idea.

Come utilizzare l’agenda ed essere costanti?

Abbiamo acquistato la nostra agenda, la troviamo bellissima e non vediamo ora di utilizzarla e di riempirla! Siamo emozionati! Cominciamo scrivendo i numeri importanti, le date importanti, la data del concerto del nostro musicista preferito, e adesso?

Adesso liste!

Io vado di liste: l’ho trovato il metodo migliore per riuscire a organizzarmi e non dimenticare nulla. Puoi scegliere di fare delle liste mensili o quelle settimanali (o perché no, entrambe!). Decidi cosa devi fare durante l’arco del mese e della settimana, dividi tutto in sezioni e importanza e spuntare ogni volta che l’impegno è stato svolto, scrivi nella pagina seguente le cose che non sei riuscito a portare a termine, esempio:

  • lunedì 13 gennaio
  • chiamare dottore
  • chiamare commercialista
  • inviare mail casa editrice
  • correggere manoscritto
  • pubblicare 5 post
  • acquistare nuovi vestiti bimba
  • fare spesa
  • cambiare lenzuola
  • pulire vetri
  • martedì 14 gennaio
  • Andare dottore
  • inviare mail casa editrice
  • correggere manoscritto
  • pubblicare 4 post
  • pulire vetri

Questo è solo un esempio.

Naturalmente ognuno deve trovare il suo metodo ma, credo che, l’importante sia creare un’abitudine. Alla fine a compilarla ogni giorno, ci si impiega circa un minuto se si è costanti.

Crea un abitudine

Creare un’abitudine è il passo più importante da fare se vuoi un’agenda organizzata ed efficiente! Ogni mattina e ogni sera controlla, segna, debella, aggiungi impegni, pensieri e altro. Se sei una tipa creativa e ti piace disegnare puoi personalizzarla come meglio credi. Ci vuole un po’ di impegno, costanza e tanta roba da organizzare!

N.B. Se ti è piaciuto l’articolo e sei un amante di agende e diari dai un’occhiata qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *